Moana Pozzi netfuturista?

(* di Roby Guerra, 2009) Il 15 settembre 1994, quasi all’improvviso (pochi lo sapevano) moriva Moana Pozzi, sex simbol dell’Italia del secondo novecento, capace nell’Immaginario erotico e sociale di superare anche magari Lucrezia Borgia e Edwige Fenech, la stessa Stefania Sandrelli (al di là di evidenti differenze iconiche e contestuali). Fu una fine estate particolarmente fresca quel ”94: Moana gravemente … Continua a leggere

The Mute Poem of the Robots (2006/11)

2003 POESIA SONORA TOTALE * Circolo Culturale Zuni, Ferrara, diretto da Maurizio Camerani, Andrea Forlani e altri (POESIA SONORA-VISIVA) Nel primo novecento Marinetti e i futuristi inventarono la cosiddetta poesia sonora basata sull’abbandono del supporto cartaceo e sull’utilizzo delle nuove tecnologie – all’epoca la radio e radiodrammi furono chiamati tali esperimenti futuristi. In seguito verso il 1940, Carlo Belloli ha … Continua a leggere

La nanopoetica netfuturista

The web is a message!  Anche per la Poesia.. dopo la rivoluzione netfuturista, forever con la p minuscola.  News alla Chomsky in versione avatar…,  vocali e consonanti neppure binarie, ternarie, quadrifoniche, gettaedriche….  Multi cromatiche, multitasking. Oltre i pur sublimi terminali postromantici del Novecento. Dal web l’anima dei computers, androidi, robot, cyborg, del nascente homo techno sapiens: un divino infante robot … Continua a leggere