Il compagno Robytron alla Biblioteca Gramsciana

17723248_futurismo-per-la-nuova-umanita_fondo-magazine.jpg* Promo Netfuturista (con Antonio Saccoccio e Vitaldo Conte)

ROBY GUERRA E IL FUTURISMO DI SINISTRA

Biblioteca Gramsciana-

Ales-Oristano

20-2-2013 Presentazione

1.

Futurismo per la nuova umanità. Dopo Marinetti: arte società e tecnologia (Armando, Roma, 2012)

2. Dizionario della letteratura ferrarese contemporanea (Este Edition/La Carmelina eBook, 2012)

 

*Emilio Diedo da Literary magazine: (2012) …. “colpisce, almeno nelle intenzioni dell’autore, una progettualità politica esplicitamente neoprogressista, se non ancora più marcatamente di sinistra. Cosa che per il futurismo è sorprendente. Non si dimentichi come regredì il futurismo storico!

Oltre ad evidenziare i diversi gruppi attuali attivi (Neofuturismo, Netfuturismo, Azione Futurista, Transumanisti, Connettivisti ecc.), in quanto espressioni libertarie e talora tecno-anarchiche,v’è un indubbio fulcro futurista al 100%….”

 

FUTURISMO 100+4

PRESENTAZIONE VIDEO ore 16-19

 

*MENU VIDEO- Promo Netfuturista (con Antonio Saccoccio e Vitaldo Conte) Roby Guerra- 1.Futurismo e Renaissance- 2.Futurismo Nuova Umanità (film con Roby Guerra) book trailer official dell’autore (musica Riccardo Campa)- Dizionario letteratura ferrararese contemporanea *book trailer official La Città Volante dell’autore e Renaissance 2000 di Guerra-Roversi-Verdoia (musica Eugenio Squarcia) -1 maggio futurista/artista per strada -tributo a Graziano Cecchini– dell’autore

20 2 2013- anniversario 100+4 o 200- 96 per il futurismo italiano. E Roby Guerra, tra i principali promotori contemporanei, dagli anni ’80 del secondo novecento, oggi non a caso in un luogo storico per il progressismo italiano, lancia programmaticamente il suo Futurismo di sinistra: scongelando l’essenza rivoluzionaria anche sociale, non solo artistica, finora ambigua di Marinetti e i futuristi storici. D’ora in poi, gli storici attardati non potranno più etichettare il futurismo dalle parti del fascismo. E l’avanguardia italiana riparte secondo DNA: nuova arte per l’uomo netmoderno e rivoluzione sociale. Il futurismo come nuovo umanesimo digitale e neoprogressista.

 

“Noi trasformiamo il ’68 perdente nel computer vincente” Roby Guerra (1983..2013…)

 

Karl Marx futurologo * da AA.VV. Divenire 4 (Sestante edizioni, 2010), Roby Guerra

 

“ …Nel duemila, il celebre Manifesto del fu Partito Comunista, ora in crisi profonda, domanda di essere compreso come il primo manuale di futurismo politico: esso oggi ribadisce la necessità dell’azzeramento del Passato, suggerisce ricette e scenari postindustriali per marciare individualmente verso il regno della necessità-libertà, un’alternativa non anti ma post-capitalista, di cui gli umani percepiscono ancora confusamente il destino darwiniano.

La società high tech riscoprirà Marx tra i propri precursori, la supertecnologia cibernetica e transgenetica (e transumanista) ci condurrà al punto omega… della rivoluzione umana, liberata dal ricatto millenario della sopravvivenza, con buona pace dell’ecologia passatista ancora dominante. La democrazia elettronica e postcapitalista, immaginata recentemente dal futurista americano Alvin Toffler e da altri intellettuali futuribili, sembra quasi incarnare il sogno di un Marx redivivo e aggiornato…”

I futuristi, nel loro campo, nel campo della cultura, sono rivoluzionari; in questo campo, come opera creativa, è probabile che la classe operaia non riuscirà per molto tempo a fare di più di quanto hanno fatto i futuristi» ANTONIO GRAMSCI

armando editore,netfuturismo,roby guerra,bibioteca gramsciana

Il compagno Robytron alla Biblioteca Gramscianaultima modifica: 2013-01-23T09:56:00+00:00da asinorosso1
Reposta per primo quest’articolo