Netfuturismo? Nativi digitali doc!

Recentemente su Facebook è sbarcato un nuovo blog della rete futurista contemporanea italiana. Nello specifico a cura  di Antonio Saccoccio e Net.futurismo, i celebri futuristi del web, praticamente in tour centenario e postcentenario dal compleanno 100 futurista  del 20 2 2009, con le chicche significative dei centenari di Cagliari, Torino, oltre allo stesso Saccoccio in Spagna per una importante conferenza con prestigiosi intellettuali iberici (*anche in Usa per Futurismo e Scienza alla prestigiosa convention Nemla 2011), poi con il gruppo anche in Germania a Oldernburg Università per una azione performativa a cura anche di Klaus Peter Scheegass, il netfuturismo della cellula/molecola tedesca. Disseminato su tutto il territorio e anche in Germania, appunto, il gruppo futurista di Saccoccio.  Altri netfuturisti di spicco sono Gianluigi Gioregtti (performer e video), i poeti totali (anche post Adriano Spatola e Renato Barilli…) Stefano Balice e Marco Raimondo ( e diversi altri). Quasi tutti anche electrorumoristi-
Il blog specifico, ANARCHIST FUTURISM che si aggiunge alla specifica rete netfuturista, sito e una decina di blog tutti interconnessi, segnala ed evidenzia, una volta per tutte, l’essenza rivoluzionaria, persino tecnoanarchica, progressista, libertaria e radicale, sia storica sia contemporanea del futurismo, oggi in quello contemporaneo alla luce del Sole, confutando deffitivamente certa vulgata ideologica, fuorviante e in malafede che ha praticamente occultato tutto il futurismo, sempre attivo- Futurismo Oggi di Enzo Benedetto-Roma e persino il neofuturismo giovane degli anni 80 e fine secondo novecento di chi scrive,  quello ante transumanista degli stessi Riccardo Campa e Stefano Vaj degli anni novanta, anche – Graziano Cecchini defindolo persino un barbaro/vandalo. 

 Addirittura un negazionismo culturale, di certa matrice pseudoprogressista, verso il futurismo, tutt’oggi, ancora rilanciato da criptici attardati  zombies viventi, totalitari…..  Vecchie storie gerontocratiche ed ideologiche, confutata da molti storici recenti (anche di sinistra convenzionale), oltre che dallo stesso Campa (in Divenire 3 Futurismo), addirittura Franco Berardi Bifo…
Il logo del programma è eloquente e significativo: Futurismo Anarchico e bilingue. Rilancia ulteriormente il futurismo neoprogressista e radicale libertario, essenza originaria del futurismo, ieri come oggi e  sempre.
 
   
Ora largo ai nativi digitali, di Netfuturismo decisi a fare piazza pulita degli ultimi negazionisti antifuturisti. Non a caso – anche su Facebook, social network infettato per eccellenza: netfuturismo come antivirus, verso il web 3.0 nascente, preludio- dopo Ad Futurum Post, prima rivista cartacea futurista del  nostro tempo, di A21, la prima casa editrice off line futurista del Duemila,  degli stessi Manifesti Netfuturisti di Saccoccio e cibercompagni, già quasi cult nel web.

http://www.facebook.com/home.php?sk=group_176259232417299&id=205496132826942#!/home.php?sk=group_176259232417299

http://wwwavanguardia21.it

http://www.netfuturismo.it

Netfuturismo? Nativi digitali doc!ultima modifica: 2011-06-12T03:07:37+00:00da asinorosso1
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Netfuturismo? Nativi digitali doc!

  1. sempre viralmente antivirali tecnoacratci, blog social network stampa cartacea e oltre, oltrizzontalmente avanguardisti…let’s start the Netarchy!

I commenti sono chiusi.